martedì 15 luglio 2008

Wallpaper.


Questo è un bel wallpaper che ho adottato per il mio pc.
Per averlo e scaricarlo basta cliccare sull'immagine e fare Save As.

11 commenti:

Angely ha detto...

Molto carina! Poi adoro giocare a scacchi, anke se in maniera dilettantistica :)
Invece io al momento come desktop ho na foto delle mie due pesti fatta due settimane fa a un matrimonio...sono troppo bellini! :D
(presto rimetterò un wallpaper anime)

Alex ha detto...

Per le tue due pesti intendi D e T vero?

Angely ha detto...

o.0 intendo i miei due nipoti: Chiara e Pietro!!!
Non confondiamo con i tuoi quasi parenti :D

PS: Okkio, le ferie sopraggiungono!

Anonimo ha detto...

..uhm..non so perchè, ma ho come l'impressione che potrebbe esserci il tuo zampino, qua.. 'Nzomma: potenzialmente ti credo capacissimo di fare una cosa del genere - in un momento di cazzeggio e senza applicarti... ;->

Gli scacchi?! Wow, Angely! Se riuscissi a insegnarmi le regole a distanza e molto (MOLTO) semplicemente...io apprezzerei!

Io, invece, ho una galleria di immagini inerenti all'oriente, al Giappone, al rito del tè et similaria..apprezzo profondamente il senso estetico che sta dietro a certi rituali ed alla cultura (non so come definirla meglio - anche se non è propriamente tale) zen. C'è, ad esempio, un bell'articolo a tal proposito che, stampato in debita essenzialità (eheheh), costituisce un po' il mio "livre de chevet".. Mi permetto di inserire il link:
http://www.gianfrancobertagni.it/materiali/zen/hisamatsu.htm

Se qualcuno fosse curioso, potrei zippare le immagini e poggiarle su qualche sito..

Ah, dimenticavo! Sì, son tornato ;-P e scusate tanto la latitanza..

Lu.

Alex ha detto...

Sì, in effetti è un'immagine alla mia portata ma... non l'ho fatta io! -_-'

Ma poi... cacchiarola, anch'io so le regole del gioco!

Se vuoi postarmi le immagini e scrivere due righe di commento te le posto qui sul blog!

Lu ha detto...

Beh..ehm..son davvero molte, e perciò dovrei fare una cernita..Magari appena posso mi ci applico!

E vedremo anche per il commento..

Lu.

Angely ha detto...

Lu, il gioco non è poi così astruso :)
I due giocatori dispongono inizialmente di pari forze, cioè di 16 pezzi a testa divisi in: 1 Re, 1 Regina, 2 Alfieri, 2 Cavalli, 2 Torri e 8 Pedoni.
Negli Scacchi ogni pezzo ha un suo movimento proprio. Tutti i pezzi possono muoversi secondo i loro movimenti tipici, ma non possono oltrepassare i pezzi avversari, come invece avviene nella Dama. L’unica eccezione a questa regola è il Cavallo, che per questo motivo è spesso decisivo nelle posizioni bloccate o con scarse possibilità di movimento.
Un pezzo può eliminare un pezzo avversario occupandone la casa e togliendolo dalla scacchiera. Si dice in questo caso che si ha catturato (o, più popolarmente, mangiato) un pezzo dell’avversario.
Si deve sempre muovere un solo pezzo alla volta, tranne quando si effettua l’arrocco, che è una manovra tipicamente difensiva.
L'arrocco è l’unica mossa degli scacchi in cui un giocatore può muovere due suoi propri pezzi in un colpo solo. Tale mossa coinvolge solo il Re e una delle due Torri, inoltre può essere effettuata solo una volta in tutta la partita. Ecco le condizioni necessarie per poter effettuare l’arrocco:
1. Il Re non deve mai essere stato mosso prima durante la partita;
2. La Torre coinvolta nell’arrocco non deve mai essere stata spostata prima durante la partita;
3. Il Re al momento di effettuare l’arrocco non deve essere sotto scacco (cioè situato in una casa sottoposta al tiro avversario);
4. Il Re durante il movimento dell’arrocco non deve attraversare case sotto scacco. Anche la casa d'arrivo non deve essere sotto scacco;
5. Fra il Re e la Torre non ci devono essere altri pezzi, né amici né avversari.
Il movimento dell’arrocco viene effettuato con la seguente importante regola: Il Re si sposta di due case verso la Torre e quest’ultima gli si mette a fianco dall’altra parte.

Il Re è il pezzo più importante dello schieramento, dato che perderlo significa automaticamente essere sconfitti. Si muove di una casa alla volta in una qualunque direzione, tranne durante l’arrocco, quando può muoversi di due case in un colpo solo.
La Regina si sposta come il Re, ma può farlo di quante case il giocatore desidera. In altre parole questo pezzo può muoversi a piacimento o lungo una colonna, o lungo una traversa, o lungo una diagonale, purchè tali linee comprendano la casa di partenza.
La Torre può muoversi a piacimento solamente lungo colonne o traverse (orizzontale o verticale insomma).
L’Alfiere si muove lungo le diagonali, di quante case si vuole, ma sempre e solo in linea retta.
Il Cavallo è il pezzo più caratteristico degli scacchi, dato che ha un movimento molto particolare, nonché la possibilità di saltare pezzi del proprio schieramento e di quello avversario. Il Cavallo si muove spostandosi di una casa come la Torre e poi di una casa come l’Alfiere, in modo da fare una specie di movimento ad L. Il Cavallo, pur essendo un pezzo a corta gittata, ha l’indubbio pregio di poter saltare qualunque altro pezzo.
Anche il Pedone, come il Cavallo, ha un movimento particolare. E’ l’unico pezzo che per spostarsi si muove in un certo modo, mentre per mangiare si muove in tutt’altra maniera. Il Pedone può muoversi solamente in avanti, mai indietro. Esso in genere si sposta di una sola casa alla volta in avanti, tranne che partendo dalla fila di partenza, nel qual caso può spostarsi anche di due case in un colpo solo. Invece per catturare un pezzo avversario si muove come l’Alfiere, ma solo di una casa alla volta e sempre e solo in avanti.

Quando un Pedone raggiunge il fondo della scacchiera, cioè l’ultima traversa, ha il diritto (e il dovere!) di essere promosso in un qualunque altro pezzo, in genere la Donna perché è il pezzo più mobile e potente. Non può essere promosso a Re perché di Re ce ne deve essere soltanto uno per parte.
Il Pedone è dotato pure di un altro movimento molto particolare e solitamente sconosciuto ai principianti. Si tratta della presa al varco, detta anche presa en passant. Questa mossa si può effettuare solo in condizioni ben definite e consiste nel mangiare un Pedone avversario spostando il proprio Pedone non nella casa di quest’ultimo, bensì in quella alle sue spalle ed eliminandolo contemporaneamente dalla scacchiera. E’ l’unico caso negli scacchi in cui un pezzo può mangiarne un altro senza occuparne la sua casa. La presa al varco si può compiere soltanto quando un Pedone avversario ne affianca uno nostro uscendo di due case dalla fila di partenza. In tal caso il nostro Pedone può mangiarlo collocandosi nella casa posta alle sue spalle. La presa al varco va effettuata subito dopo l’affiancamento, altrimenti alla mossa successiva si perde il diritto di farla.

Credo di non aver dimenticato nulla (almeno spero!) :D
L'unico modo per imparare cmq è giocare, quindi trovati un compagno/a con cui passare un po' di tempo. Questo è un gioco di strategia, di riflessione. A mio avviso è molto rilassante e a volte (anke se non è un granchè) ci gioco da sola facendo sia la parte dei Bianchi che dei Neri...
Sono proprio brava vinco sempre io!!! :D

Lu ha detto...

Oh caspita! Apro la pagina dei commenti per una controllatina, e cosa scopro?! Che non mi ha salvato l'ultimo appunto!

In breve: ringraziavo profusamente Angely, per la spiegazione dettagliatissima, e per la chiarezza..ma sono certo che mi dirai che se mi cimentassi con qualcuno capace imparerei ancor prima, vero?
Ringraziavo altrettanto profusamente (oh, che c'è?! Oggi mi piace "profusamente"!) anche Alex per l'intenzione.. :->

Di tutto questo, però, m'è rimasta un'eco: una canzone de La Sintesi che mi piacque assai, per le pulsazioni del basso e per l'argomento del testo che tutt'ora sento molto mio:
"Curiosità"

"..ci sono quelli che vincono con i pedoni
c’è chi il pedone non considera mai
ci sono quelli che proteggono la regina
la mia regina te la lascio mangiare
l’importante è che si salvi il re
ci sono un sacco di rimorsi nel mio cuore
se ripenso alla mia povera regina.."


Se qualcuno volesse ascoltarla, l'ho poggiata qui: http://www.megaupload.com/it/?d=3E4U7XEL

A poi!

Alex ha detto...

Ascoltata, mi sa molto di Bluevertigo, nevvero?
Per caso c'è qualche ex nel gruppo?

Lu ha detto...

Ciao Alex! Siccome non credo sia molto nelle tue corde, mi inorgoglisce sapere che l'hai ascoltata! Sì, i Bluvertigo c'entrano per qualche verso, ma non ricordo precisamente in che modo(magari cercherò info, e ti farò sapere), forse qualche componente loro ha partecipato al disco..non ricordo.

I Bluvertigo mi hanno acchiappato molto quando, e continuano a piacermi. Mi era piaciuta molto la facenda della "trilogia chimica", mi piacevano i testi che gettavano dubbi di matrice chimico-fisica-quasi quantistica. Testi intellettualoidi alla Battiato, uniti a un sound che ricordava un po' (sto semplificando di molto) i grandi Depeche..all'epoca mi sembrò qualcosa di davvero affascinante - non dimentichiamo che uno dei miei "periodi" fu anche la corrente dark, Joy Division e affini.. Ma sto andando completamente off-topic: scusa!!

A presto.. :-)

Alex ha detto...

A me piaceva "Discoteca Labirinto"
http://it.youtube.com/watch?v=lkmQMdmfoBY&feature=related

e "Sono=Sono"
http://it.youtube.com/watch?v=WQoHP7e5kb8

ma soprattutto mi piace "La Crisi" a cui dedicherò un post!