martedì 10 febbraio 2009

Think this.


Oggi moltissimi blog parlano di Eluana.

Beh, a me di Eluana non frega assolutamente nulla di nulla.
E nemmeno parlerei dell'accaduto se non servisse come spunto per un'altro discorso.
Perchè dovrebbe importarmi qualcosa di Eluana?
Voglio dire... non la conoscevo, non avrei mai potuto conoscerla, non ha fatto nulla di eccezionale quindi ditemi voi: perchè dovrei essere felice, triste, contento, soddisfatto o provare una qualsiasi emozione per il suo destino come sembrano, invece, fare tutti nei propri blog, nei giornali e telegiornali?
Ipocriti!
Guardiamo in faccia la realtà, quante volte si sente al telegiornale che un rapinatore ha ucciso un cassiere per una manciata di euro?
E quante volte si sente di un incidente d'auto dove viene sterminata un'intera famiglia?
Ed ancora quante volte si sente di un ragazzo che assassina i genitori o di una palazzina che crolla seppellendo decine di persone?
E per questi cosa proviamo?
Lo scriviamo sui blog? Mandiamo messaggi di forza e condoglianze?
A malapena al telegiornale fatti del genere vengono riportati tra le previsioni del tempo e lo sport!
E la morte di Eloana dovrebbe avere qualcosa di speciale rispetto alle altre disgrazie?
E' morta! Ed allora? Quanti muoiono ogni giorno tra atroci sofferenze?
Ma prima è stata tenuta in vita per diciassette anni in coma.
Ed allora?
C'è un ragazzo investito da un'auto pirata che è rimasto paralizzato dalla cintola in giù. Non potrà mai più correre, camminare ecc.
E per lui cosa c'è? Nulla. Indifferenza. Oblio.
In Cina ogni anno muoiono centinaia di persone nelle miniere di carbone, lasciano moglie e figli ad una vita di stenti e di miseria.
E per loro cosa c'è? Nulla. Indifferenza. Oblio.
Ed allora guardiamoci in faccia e diciamocelo chiaro... a noi di Eluana non frega nulla! Nemmeno sapevamo che esistesse fino a qualche giorno fa.

Poi...

i giornali, i telegiornali, le trasmissioni televisive, i quotidiani, le notizie online su internet... tutti hanno iniziato a parlare di Eluana e della sua triste sorte.
Triste? C'è gente che soffre in modo atroce e noi ci sconvolgiamo per una ragazza in coma da diciassette anni?
Certo, non è una cosa allegra, non sono un mostro insensibile. Tuttavia la notizia mi addolora quanto quella di qualsiasi persona che muoia o soffra di mali terribili.
Solo che chi è morto è morto, mentre chi è vivo e soffre viene dimenticato!
Tutti parlano di Eluana ma nessuno parla di quelle persone che soffrono, che vivono una vita terribile e che potrebbero ancora essere aiutate e salvate.
Quelle no, non contano... non interessano nessuno.
Beh, a me interessano. Più di Eluana e della sua morte. Almeno per lei le cose sono finite (da ben diciassette anni) mentre per altri ogni giorno della propria vita è una sfida contro l'orrore.
In Africa, nel Congo i bambini pagano col sangue diamanti che poi vengono venduti per un'inezia alle grandi gioielleri per poi venire indossati da uomini ricchi e potenti.
E di questo? Se ne sente parlare? Trovate informazioni solo se le ricercate su internet e con un po' di impegno pure.
Altrimenti giornali, telegiornali... nulla!
Eppure si potrebbe fare ancora qualcosa, ma non è una notizia succosa come la morte di Eluana.
Perchè di questo si tratta! Notizia succosa!
Vi siete mai chiesti a cosa servono le notizie succose?
Beh, ve lo dico io: a farvi fare la figura dei babbei.
Fateci caso, ogni volta che in Italia succede qualcosa di importante o c'è una situazione particolarmente difficile succede qualcos'altro che attira l'attenzione del popolo.
Il processo di Cogne, un caso durato mesi e mesi durante i quali ogni mezzo di informazione non faceva altro che parlare di questo.
E prima c'era il delitto di Novi Ligure e prima ancora un caso di stupro ed assassinio di cui non ricordo il nome...
Tutte cose montate ad arte per distrarre il popolo da cose ben più gravi!
Chi detiene l'informazione detiene il potere!
Ed indovinate chi ha l'informazione in pugno in Italia? Proprio lui, bravissimi!
Guardatevi intorno... in tv ci rincoglioniscono con Grande Fratello e Isola dei Famosi o trasmissioni sul calcio e quando qualcuno riesce a sfuggire a queste cose lo intrappolano con storie di intrighi, assassini, sofferenze ecc. che durano mesi e mesi.
Guardatevi intorno... e cercate di guardare non quello che vi offrono su una mano ma quello che cercano di nascondere nell'altra!
Perchè vogliono farci passare per stupidi... e a guardare in giro, ci stanno riuscendo bene!

8 commenti:

Vonetzel ha detto...

Concordo in pieno. Si tratta di una triste vicenda, ma dovrebbe rimanere privata. I nostri Media invece (da tempo puro Gossip)sono scatenati nel banchettare sulla notizia, troppo succulenta per non operare uno scandaloso sciacallaggio televisivo. Si parla solo di ciò che fa notizia: il resto non esiste. E noi,lobotomizzati da questa pseudo-informazione e Reality vari,ci mettiamo a fare i Censori da Bar mentre non sappiamo come arrivare a fine mese...
Mala tempora currunt!

Lu ha detto...

Mala tempora currunt!

Senza alcun dubbio. Sono proprio brutti tempi, e non mi riferisco solo agli allarmi cronici della cronaca (passatemi il jeu de mots). Vogliono davvero rincretinirci; a me non sembra che ci stiano riuscendo: sono convinto da un po' che ci siano riusciti - e anche bene..Ormai lavorano soltanto più sui particolari..Proprio un lavoro di fino. Non posso intasare il blog del caro Alex scrivendo cosa penso della faccenda di Eluana, da che parte sto, ciò che mi passa per la testa riguardo a giornalisti, politici, Papi, padri-di-Terry-Schiavo vari.. Ribadisco solo che quel che dice Alex è reale, basta fare un pelo d'attenzione: ma possibile che non riusciamo a vedere quanto clamore a volte prendano notizie che dovrebbero essere di carattere privato o riservato e che diventano casi nazionali? E' assurdo! Senza contare che ODIO vedere i servizi sulle tette (e scusa Alex se ho scritto "sulle"..) delle cretine del Grande Fratello, o sui capricci di Beckham e consorte, in un polpettone ammiccante o sensazionalistico che ha la pretesa di definirsi "Telegiornale" (qui ci voleva il tono tragico fantozziano)..E' necessario, etico, e pure sano cercare una vera informazione.. Perchè qui, ormai, sta tutto in mano ad una brutta razza, a parer mio: quella che Raffaele Simone definisce "neodestra" - e il concetto è così ampio per me, che trascende le correnti politiche.
Se mi verrà in mente altro lo posterò.
Ascoltate Alex. Alex sa.

Alex ha detto...

Ciao Vonetzel, ciao Lu.
Non sapete che sollievo sia leggere le vostre parole, già mi ero preparato a sentirmi tacciare di insensibilità e menefreghismo!

Belle le vostre citazioni in Spagnolo... anche se non le ho capite!!!! Sò troppo ignorante!

Lu ha detto...

...ihihihi..sei troppo un grande! ;-)

Scherzi a parte: la tua mi è sembrata piuttosto sincerità spietata, fortemente e pragamaticamente ancorata alla realtà (vera) - forse è proprio per questo che le tue parole potrebbero fare sgranare gl'occhi e far assumere espressioni di commiserazione indignata. Ahimè, Alex, non siamo molto migliori noi cinici senza cerimonie,piuttosto che certe macchiette con la sensibilità indottrinata da "Festa italiana" o cose del genere (ora so che cercherai info su tale programma - la cosa mi dà piacere godereccio!) ?

Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato. (G. Orwell, "1984" - opera e autore non citati a caso)
Spacciare deliberate menzogne e credervi con purità di cuore, dimenticare ogni avvenimento che è divenuto sconveniente, e quindi, allorché ridiventa necessario, trarlo dall'oblio per tutto quel tempo che abbisogna, negare l'esistenza della realtà obiettiva e nello stesso tempo trar vantaggio dalla realtà che viene negata... tutto ciò è indispensabile, in modo assoluto. (da La teoria e la pratica del collettivismo oligarchico di Emmanuel Goldstein; 1950 - fonte: Wikiquote)
L'integrità mentale non ha alcun rapporto con la statistica. (Dal Diario Segreto di Winston Smith, op.cit.)

Vonetzel ha detto...

Ciao Alex,ciao Lu.
Dal 1994 (una data a caso) si è provveduto sistematicamente ad impoverire il già scarno bagaglio culturale dell'Italiano medio:dobbiamo ringraziare Lui,le sue televisioni e la sua immensa corte di Lacchè che passano dai suoi canali al Parlamento e viceversa..un bambino di 10 anni nel 1990,da grande avrebbe voluto fare il calciatore,un classico...ora vorrebbe fare il Tronista...
La vita viene vista come un enorme show televisivo: si sa chi è il nuovo compagno della Ventura e non si sa chi ci abita di fianco.
Allo stesso modo facciamo casino per una vicenda che non ci dovrebbe riguardare e poi magari picchiamo moglie e figli in privato.Hai ragione Lu...la Neodestra è proprio una brutta razza!...

Alex ha detto...

E' incredibile come riesca a capire solamente una percentuale di tutte le cose che scrive Lu!
Praticamente in memoria ha un'intera libreria! Lu... quanti giga hai nella scatola cranica?
Mi sembri come il protagonista di Johnny Mnemonic.
http://it.wikipedia.org/wiki/Johnny_Mnemonic

Quello che dice Lu è giusto: non puoi capire il presente se ti dimentichi del passato e non puoi sperare nel futuro se non capisci il presente.
Ed il presente non te lo fanno capire!
Come dice Vonetzel ti rimbambiscono di cose inutili per distrarti da quelle gravi ed importanti.

Ma la cosa che veramente è orribile è che... ci riescono.
Come dice Lu hanno già vinto ed adesso giocano solamente ad affinare il processo.

Fateci caso: domani il Governo aggiunge una tassa sul numero di dita delle mani. Chiunque ne abbia "almeno" 10 (ovvero tutti!) dovrà pagare una cifra ed il ricavato andrà a sostenere l'aumento dello stipendio dei deputati.
L'italiano... una notizia del genere... non la saprà MAI!
Non lo diranno e, se proprio saranno obbligati a dirlo da qualche authority non corrompibile lo faranno in modo marginale, tra un programma di "tette e culi" (per dirla alla Lu) ed una trasmissione sul calcio.
E, magari, riusciranno anche a fartela passare come una cosa buona e necessaria.
L'italiano non cerca di sapere se quanto gli viene detto è vero o meno, se quanto gli viene riferito è importante o no... oramai si vive in uno stato di sospensione mentale per cui tendiamo ad accettare per oro colato tutto ciò che i media ci propinano.

Tuttavia...


Provate a pensare a cosa succederebbe se per un provvedimento qualsiasi le partite di calcio venissero abolite.
La rivoluzione francese? Roba da signorine! Sarebbe l'inferno sulla terra!

Tornando al discorso di prima, mi dispiace per Eluana ma veramente è una cosa che non dovrebbe fare notizia ed invece le persone non parlano d'altro dimenticando le cose che ESSI non vogliono che vengano ricordate.

Angely ha detto...

Ebbene, confesso che appena ho inizito a leggere quel "Beh, a me di Eluana non frega assolutamente nulla di nulla." mi son chiesta se eri impazzito!
Nel senso che di solito non sei uno che se ne frega, ma poi continuando a leggere ho capito il senso del tuo post e sì, concordo appieno.
Ma del resto dovremmo essere abituati a telegiornali che sguazzato nelle tragedie come questa (così come accadde per i due fratellini pugliesi o per quei bambini che morirono sotto le macerie di un asilo...). Però, a distanza di tempo, quando ormai la notizia non fa più "notizia" chi si occupa di queste storie e del dolore di quei genitori?
Inoltre ovremmo anche essere abituati ai politici che pur di far parlare di sè o di avere il favore del popolo usano una tragedia familiare a loro vantaggio.
Personalmente, come ho già detto a chi mi ha chiesto "Tu cosa ne pensi?" dico solo che non penso nulla o meglio non ho voglia di dare giudizi - favorevoli o contrari che siano - perchè per fortuna io non sono al posto di quei genitori e sinceramente non voglio nemmeno pensare a "se fossi al loro posto!"

Scusate il cinismo!

Alex ha detto...

Esatto Angely, hai beccato uno dei punti chiave.
Dopo che tutta questa storia è passata chi ci pensa più al dolore di chi rimane?
Nessuno perchè la cosa oramai non fa più notizia!
Ed è anche normale che sia così!
Dopotutto se dovessimo stare male e fare un caso che duri mesi per ogni morte del mondo... credo che a quest'ora seremmo tutti morti!